Sciare in Giappone a Shiga Kogen!

Prendiamo da Tokyo lo Shinkansen che ci porta a Nagano. Alle 13,10 alla fermata 23, uscita est della stazione parte il pullman (1400yen) che ci porta allo Snow Monkey Park (ingresso 800yen). Posiamo i bagagli e ci incamminiamo per 1,6km, mezz’ora circa, verso l’area del parco in cui le scimmie sfruttano l’acqua bollente termale per stare a mollo, proprio come noi in spa! Il parco sicuramente nei mesi invernali è più affascinante, avvolto dal manto nevoso le scimmie stanno a mollo per ore mentre oggi fa caldo quindi nessuna è a bagno.

Fate attenzione! Non sono molti i pullman che vanno a Shiga Kogen da Nagano! Ecco gli orari (per quelli aggiornati scrivere all’ufficio turistico di Nagano) e l’itinerario. Scendiamo alla stazione Hasuike Hiroba, la più vicina al mostra albergo Shiga Lake dove dormiamo due notti.

Un paio di ore dopo le scimmie riprendiamo il pullman locale che ci porta ad Hasuike (650 yen) piccolo villaggio del comprensorio sciistico di Shiga Kogen.

Sciare in Giappone, il comprensorio sciistico più ampio del Giappone: Shiga Kogen.
È fine aprile e molti impianti sono ormai chiusi. Tuttavia le condizioni sono ancora buone!
Scegliamo di dormire ad Hasuike dal quale d’inverno partono già le piste da sci. Il comprensorio di Shiga Kogen collega infatti più di una decina di paesini quindi scegliere dove prendere l’albergo cambia poco. Purtroppo ad Hasuike e in parte del comprensorio le piste sono già chiuse. Tuttavia non è un problema poiché la navetta gratuita che ferma a 100 mt dall’albergo ci porta a Okushiga dove invece gran parte degli impianti sono aperti. In bassa stagione lo skipass giornaliero costa 4200 yen+500 di cauzione (in alta 5000) ma si può anche scegliere l’opzione del pass limitato solo a una certa area o ad ore.
Affitto attrezzatura: avevamo già preso tutto in albergo. Il materiale non è eccellente ma per un giorno può andare. Si può anche affittare la tuta sci. Il costo di 3000 yen in albergo è inferiore rispetto ai noleggi sulle piste dove tuttavia l’attrezzatura è migliore.
Le piste, fine aprile: la neve è primaverile e molte piste sono chiuse tuttavia c’è già molto con cui divertirsi! Gli impianti credo siano ancora quelli di Nagano ‘98 tuttavia funzionali. Pendenza e lunghezza non sono eccessive, perfette per un livello medio. Ci sono Snow park, kinder park e molti tracciati con le gobbe, specialità che sembra spopolare in Giappone! Nonostante sia il comprensorio più grande del Giappone non aspettatevi i km di piste che ci sono sulle Alpi! In una giornata si fa facilmente il giro di tutto il comprensorio andata e ritorno!
Alberghi: Booking non offre molta scelta e rispetto al resto del Giappone qui gli alberghi sono comprensibilmente più cari. La maggior parte delle strutture è datata, anche il nostro, il Shiga Lake è vecchiotto tuttavia mette a disposizione l’onsen di acqua termale che dopo una giornata di sci è semplicemente meraviglioso! Nessuno parla inglese. La colazione è inclusa ma solo salata, con pesce. Non abbiamo mangiato cena qui (2000yen) ma la prima sera avevamo degli ottimi bento presi in stazione a Nagano e la seconda sera ci siamo riforniti dal negozio che si trova in albergo.
Un altro comprensorio vicino a Nagano di medie dimensioni è Hakuba.

Rientriamo a Nagano. Al piano terra della stazione c'è un ottimo ristorante di udon: scegli il brodo e i pezzi di te pura, eccellente!

Come facciamo a viaggiare così tanto? Lavorando in montagna! Ti ho incuriosito? Segui il mio blog!

rebeccainthemountains.com

Guarda altri contenuti speciali nelle mie highlight di Instagram:
rebecca_inthemountains