Esplorare il Giappone sfruttando appieno il Japan Rail Pass: un itinerario dei must per ammirare i panorami nipponici che abbiamo sempre sognato!

La prima volta in Giappone non si scorda! In questo Paese l'aiuto al turista è una questione d'onore, nessuno cercherà mai di fregarvi e se vi perdete per strada cercheranno in tutti i modi di aiutarvi, anche se in molti non parlano Inglese. Atterriamo all'aeroporto Narita nel primo pomeriggio del 2 novembre. Prendiamo la monorotaia che in 40 minuti ci porta alla stazione di Ueno, in centro a Tokyo. Il nostro albergo Meigetsu si trova sulla Hibiya line della metropolitana. Ci riposiamo e usciamo per cena. I posti migliori dove mangiare in Giappone sono solitamente vicino alle stazioni ed è proprio così che troviamo il nostro preferito per il Ramen: ci sono le foto sul menù e rende facile l'ordinazione! Trovi due articoli molto utili sul mio blog rebeccainthemountains.com: la guida integrale ai quartieri, parchi e templi di Tokyo e come muoversi con i mezzi a Tokyo.
Il secondo giorno ci dirigiamo verso il centro e visitiamo il quartiere del palazzo imperiale con il suo splendido giardino giapponese e nel pomeriggio il parco di Ueno e la via di negozi attiguo alla stazione.

Terzo giorno: dedicato alla visita dei templi della città, Asakusa e Imeji. Quest'ultimo lo raggiungiamo scendendo alla stazione Shibuya così da vedere anche la statua di Hachiko, il famoso attraversamento pedonale e percorrendo il viale dello shopping raggiungiamo il parco immerso nel verde dell'Imeji Temple.

Terminiamo la giornata osservando il tramonto dal piano panoramico del Tokyo Government Building a Shinjuku (accesso gratuito) e passeggiando per le vie di questo quartiere che non dorme mai.

Quarto giorno: la nostra giornata prevede l'escursione a Nikko, rinomata meta di templi immersi nella foresta. Per accedervi acquistiamo un pass giornaliero che include i trasporti (treno e pullman). Un consiglio: chiedete sempre nei centri informazione delle stazioni le opzioni migliori e più economiche per raggiungere le varie mete. A Nikko c'è una cascata da raggiungere in bus e poi a piedi ma noi non abbiamo tempo di raggiungerla a causa del forte traffico causato dal turismo della Golden Week in cui tutto il Giappone è in festa! Tra i templi di Nikko trovate la famosa scultura delle tre scimmie non vedo, non sento, non parlo.

Quinto giorno: giornata a Tokyo ad esplorare il mercato del pesce di Tsuki, un vero paradiso per gli amanti del pesce! Adesso c'è anche un nuovo mercato del pesce che abbiamo visitato durante il nostro secondo viaggio in Giappone. È molto meno tipico, i ristorantini sono cari e curati mentre allo Tsuki a mio parere si respira l'aria mercatale, è più autentico!

Nel pomeriggio, dopo aver esplorato un paio di palazzi ricolmi di manga e oggetti di collezionismo di Akihabara, ci riposiamo in uno dei famosi maid café di Tokyo. In questi café l'accesso è limitato a tempo: un'ora in cui si può chiacchierare con la propria cameriera vestita da fumetto. A noi può sembrare anomala un'esperienza del genere ma bisogna sapere che per molti giapponesi anche solo una chiacchierata con delle gentili donzelle non è facile. Ordiniamo dei dolci buonissimi, scambiamo due parole con la nostra cameriera e osserviamo ammaliati come molti ragazzi nerd si avvicinino al mondo femminile!Giunge il momento delle foto: si deve anche scegliere con quale cameriera farla (con tanto di opzione extra per ragazze dai lineamenti più occidentali), si sale sul palco, si sceglie come agghindarsi e ti viene consegnata subito la polaroid. L'esperienza è un po' strana per noi ma è da provare: è diverso da qualsiasi altro bar abbiamo in patria e i dolci sono buonissimi!

Sesto giorno: attiviamo oggi il nostro Japan Rail Pass precedentemente acquistato in Italia: un modo semplice e senza pensieri per viaggiare. Potete acquistare la soluzione che più fa per voi in base al periodo di permanenza: una, due o tre settimane. Si possono anche scegliere soluzioni in base al territorio da visitare. Il Japan Rail Pass non costa poco ma sommando tutte le tariffe dei singoli spostamenti conviene. L'importante è sfruttarlo ogni singolo giorno del suo periodo di validità. Per questo motivo abbiamo concentrato tutte le visite in giornata ed escursioni (Nara, Hiroshima ecc) nella settimana di attivazione del nostro JRP tenendoci le visite dei centri città (Tokyo e Kyoto) rispettivamente prima e dopo l'attivazione e la scadenza.
La nostra meta di oggi è Hakone, una graziosa cittadina termale dal quale si può ammirare il monte Fuji, se fa bello. Noi infatti non siamo riusciti a vederlo ma poco importa perché Hakone vale comunque una visita (lo riusciremo a vedere durante il nostro secondo viaggio in Giappone, nella zona termale dei cinque laghi). Arriviamo in treno. Dalla stazione, dove acquistiamo un pass giornaliero per le attrazioni e trasporti della zona, prendiamo un autobus locale che ci porta in albergo dove lasciamo i bagagli. Riprendiamo il pullman che ci porta fino al lago dove è inclusa la gita sull'imbarcazione. Dal punto più estremo del lago si dovrebbe vedere il monte Fuji. Rientriamo al porto di partenza dal quale parte la cabinovia che ci porta in cima alla montagna sulfurea. Paesaggio surreale, con le nuvole di vapore che avvolgono la montagna. Proviamo anche le uova nere del posto! Rientriamo in cabinovia e poi in slittovia verso l'albergo. Abbiamo prenotato un'abitazione tipica ovvero un Ryokan con onsen (una specie di spa) di acqua termale e cena tipica!

Settimo giorno: giornata di viaggio da Hakone, destinazione Kyoto! Kyoto rappresenta il cuore del Giappone per i viali alberati, le piccole case basse in legno, i giardini zen, le pagode e i templi e il quartiere delle geishe...insomma tutto cio che ci si aspetta dal Giappone tradizionale! È anche un ottimo punto di partenza per escursioni in giornata, tuttavia non è particolarmente facile muoversi perché le linee metropolitane sono molto limitate e bisogna appoggiarsi ai pullman, sempre stracolmi. Consiglio quindi un albergo vicino alla stazione!

Ottavo giorno: esploriamo la bellissima Nara, a circa un'ora di Shinkansen da Kyoto. La zona del parco di Nara è abitata da centinaia di daini giapponesi che sono veramente ovunque! Perdetevi nel parco, immenso, e sarete sempre avvicinati da uno di questi stupendi animali. Nel parco si possono comprare i loro biscotti: avvicinatevi a un cervo, lui si inchinerà ‘chiedendo’ gentilmente il biscotto...sono cervi giapponesi!
Dalla stazione JR di Nara al parco dei cervi si può andare a piedi (20minuti) o in autobus. Vi consiglio di acquistare uno spuntino prima di entrare nel parco in modo tale da poter fare un bel pic-nic e rilassarvi. Il parco è immenso: oltre a perdervi dietro alle famiglie di cervi, ci sono moltissimi templi da visitare. Il più importante è il Todai-ji che è anche la costruzione in legno più grande del Giappone.
Sul viaggio di ritorno verso Kyoto ci fermiamo a visitare il Fushimi Inari Temple, caratteristico per le migliaia di Torii che segnano il sentiero su per la montagna. Noi arriviamo verso le cinque per cui scegliamo il percorso più breve ma se avete tempo vi potete attrezzare per una bella passeggiata di un paio di ore su per la montagna.

Nono giorno: gita in giornata da Kyoto a Hiroshima. Prendiamo la mattina presto alle 7.20 lo Shinkansen che in un ora e 45 ci porta a Hiroshima. Come prima tappa visitiamo il pace memoria park ovvero il luogo dove venne sganciata la bomba nucleare ed è oggi patrimonio UNESCO. Visitiamo anche il museo ed il cenotafio. Ci dirigiamo poi a piedi verso il castello di Hiroshima che però non visitiamo all'interno. È molto caratteristico ma consiglio di metterlo da parte per avere più tempo per visitare l'isola Miyajima. Con la metro arriverete al porto e da qui il traghetto in 55 minuti vi porterà a questa caratteristica isola. Da visitare assolutamente il tempio su palafitte di Itsukushima. Perdetevi per le stradine dove incontrerete anche qualche cervo come a Nara! Rientriamo ad Hiroshima e da qui a Kyoto. La giornata è molto ricca quindi fate in modo di arrivare almeno alle 10 ad Hiroshima!

Decimo giorno: Arashiyama è un distretto di Kyoto e si può raggiungere tramite metro JR in 20 minuti con la linea JR San-in o Sagano. Raggiungiamo a piedi (15min circa) la famosa foresta di bambù. Proseguiamo la passeggiata fino al centro del paese attraverso il parco Kameyana-koen dipinto di colori indimenticabili dal l'autunno. Raggiungiamo il centro di Arashiyama dove sperimentiamo un cat-owl café i vero un piccolo percorso tra i gufi e poi la possibilità di giocare con i gatti savannah e serval.
Ad Arashiyama è anche possibile fare una passeggiata nel parco Iwatayama dei macachi giapponesi che purtroppo era chiuso quando siamo andati. Piccolo spuntino dolce che vi consiglio di mangiare ad una delle banche elle tipiche in centro...
Al rientro a Kyoto visitiamo il centro di Kyoto: partite dall'inizio della passeggiata dei filosofi che vi porterà verso il centro nelle viuzze tipiche del Giappone: edifici in legno, templi, il quartiere delle geishe...siete nel cuore del Giappone! Consiglio il Kennin-ji Temple con un giardino zen spettacolare!

Undicesimo giorno: trascorriamo la giornata a visitare i templi di Kyoto e la città. Al mattino optiamo per la visita guidata al palazzo imperiale di Kyoto. È domenica e all'interno ci sono esibizioni di danze e canti tradizionali. Non è inusuale incontrare questo tipo di spettacoli gratuiti. Anche le visite guidate per stranieri solitamente sono gratuite la domenica mattina alle 10!
Al pomeriggio visitiamo il famoso tempio dorato che è particolarmente scenico in inverno: Kinkakujicho

Dodicesimo giorno: ci spostiamo in Shinkansen (30 minuti) ad Osaka. In stazione lasciamo i bagagli nei pratici locker (depositi bagagli che troverete ovunque in Giappone, in special modo nelle stazioni). Visitiamo il castello reale e per pranzo ci dirigiamo verso il mercato della città. Osaka è la capitale culinaria del Giappone, troverete molte specialità tradizionali passeggiando per le vie che si affacciano sui canali!

Il tredicesimo giorno partiamo da Osaka alla volta di Bali, per continuare il nostro viaggio! Il treno che porta all'aeroporto di Osaka è incluso nel Japan Rail Pass. L'aeroporto si trova su un'isola costruita appositamente e il viaggio è molto scenico!
Questo viaggio è stato fatto nel 2017, il Giappone ci colpì così tanto che nemmeno due anni dopo ci tornammo per la fioritura dei ciliegi!

Come facciamo a viaggiare così tanto? Lavorando in montagna! Ti ho incuriosito? Segui il mio blog!

rebeccainthemountains.com

Guarda altri contenuti speciali nelle mie highlight di Instagram:
rebecca_inthemountains